mercoledì 13 giugno 2012

Riflessioni sui miei 16.000Km appena compiuti


Oggi , particolarmente contento del traguardo raggiunto, facevo qualche riflessione con il senno di poi.




Si fa un gran parlare di elettrico,ma di esperienze sul campo se ne vedono ancora poche, cosi’ spero che dal basso della mia esperienza si possa aiutare qualcun altro a prendere una decisione circa l’utilizzo di un mezzo elettrico ed eventuali upgrade.

Quindi cogliamo l’occasione per fare un breve riepilogo

Ho acquistato lo scooter Urban Flower in Maggio del 2010.
Si trattava (visto che l’ho modificato) di un 2000W 48V con batterie al piombo di circa 40AH.
All’epoca scelsi questo scooter ignaro del fatto che le batterie al piombo non sarebbero durate come da pubblicità ben 300Cicli che avrebbero corrisposto a circa 15.000Km. Poi garantivano le batterie per 2 anni, cosi mi sono detto, male che va ci faccio due anni e poi vedo cosa fare.
Purtroppo le cose non sono andate cosi, dopo circa un anno e 7.400Km mi sono trovato costretto a sostituirle, le batterie al piombo da 50Km di autonomia circa sono passate ad un misero 23Km e la loro autonomia precipitava rapidamente sempre piu’ in basso.

Al momento della loro sostituzione ho cercato di contattare l’azienda per vedere se potevo avere un nuovo set di batterie in garanzia, ma l’azienda non era piu’ rintracciabile, il loro sito era chiuso ed ai numeri che avevo non rispondeva piu’ nessuno. Ho scoperto solo di recente , e quindi troppo tardi, che sono ancora in attività, ma presso un’altra azienda..

Tornando alla sostituzione delle batterie al piombo, la scelta non è stata affatto facile, ero indeciso se smettere di usare questo scooter elettrico definitivamente o reinvestire del denaro per resuscitarlo. Lo scooter mi ha sempre dato un sacco di problemi di natura meccanica che provo ad elencare:

*) Sostituite subito le gomme , durissime con poca tenuta di strada, quella dietro ha ceduto dopo 2000 Km a seguito di una buca nemmeno troppo grossa
*) Sostituita piastra bauletto, il bauletto si è sganciato mentre andavo in giro, mostra ancora i segni della rotolata!! (sempre intorno ai 2000Km)
*) Sostituito parabrezza, si è rotto dopo circa 12 mesi
*) Sostituite pastiglie (8000Km) , ogni volta che frenano vibravano da matti, sostituendole il problema è quasi del tutto rientrato, quelle che montano devono essere fatte di materiale reciclato (uranio impoverito?)
*) Sostituito supporto forcelle, non so come sia stato possibile, ma si è rotto anche quello!! (9000Km)
*)  Sostituito bauletto, si è rotto di nuovo e questa volta ho deciso di risolvere il problema alla radice (14.000Km)

Per dare una idea questa è una foto del mio scooter



Alla fine ho deciso di convertire lo scooter alle batterie al litio, ma prima di farlo questa volta ho potuto contare su una maggiore esperienza e mi sono dato tempo per capire cosa c’era sul mercato. Internet come al solito per reperire informazioni non ha rivali, cosi’ cercando esperienze “real life” sulla rete ho capito che la conversione al Litio Ferro (chimica a base litio piuttosto recente) è la scelta giusta.

Oggi con 16.000 Km sullo scooter di cui circa 9.000 fatti con litio, incrociando le dita ma sono fiducioso, posso dire che le celle continuano a lavorare molto bene e non sembrano aver sofferto alcun calo di prestazione.
Non ho potuto e voluto fare un test di scaricamento al 100%, ma posso dire che le scaricandole al 75% (30AH di 40AH) le celle performano come da nuove.



Suggerimenti derivanti della mia esperienza ad oggi
- Se fate piu’ di 3.000 Km all’anno non comprate scooter con batterie al piombo, vi durerebbero poco.

- Prima di prendere lo scooter fate un test significativo su strada per capire se qualitativamente è decente, molti scooter elettrici sono di scarsissima qualità.

- Le batterie al litio devono essere LIFEPO4 o LIMN204 e non LICO, altrimenti non vi durano piu’ di qualche anno. Lo scooter inoltre deve montare tassativamente un BMS che controlli lo stato delle celle, altrimenti le vedrete morire prematuramente.

-Lo scooter elettrico su base litio per girare in città entro percorrenze di 40Km è un ottima scelta ecologica ed economica. Ho potuto verificare che andando a velocità max intorno ai 70Kmh (che in città sono piu’ che sufficienti) e medie intorno ai 35Kmh ,semafori e traffico impediscono di fare meglio qui a Milano, si spende circa 1Euro per fare quasi 200Km, praticamente il mio scooter consuma poco piu’ di un asciuga capelli da 2000W!!. Se le batterie al litio durano come promesso il ritorno dall’investimento è assicurato e c’e’ gran margine per risparmiare.

15 commenti:

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
CCriss ha detto...

BMS è l'acronimo per Battery Management System, si occupa di
A) evitare che le celle superino durante la carica il voltaggio max consentito, pena rovinarle.
B) In fase di carica si preoccupa di allinearle, alcune celle si caricano prima di altre, quindo occorre metterle in pari
C)Bloccano le centralina quando 1 o piu' celle sono considerate scariche

Tutti questi accorgimenti sono fondamentali per garantire la durata delle batterie.
Il tuo ZEM, vedendo il pacco aperto da JumpJack , monta sicuramente un BMS, quindi da quel punto di vista puoi stare tranquillo.:-)

Prezzi e luoghi di acquisto a Milano non saprei indicarli, io mi rifornisco direttamente da fornitori Cinesi, con loro eviti di venderti un rene,ma non sempre sono rose e fiori, diciamo che comunque ho trovato dei fornitori che sono abbastanza affidabili.
Uno tra i Cinesi è http://www.bmsbattery.com/

Anonimo ha detto...

Ah, ok, almeno questo lo ZEM ce l'ha!!! Grazieeee :)

spuzzete ha detto...

Ecco che dico un'eresia: il BMS non è obbligatorio! Certo è comodo per i non esperti ma esistono anche "altre vie".
Seconda critica, non sono d'accordo su quanto dici sulla chimica Li-Co, quello che ho fatto io riciclando centinaia di celle presenti nelle batterie dei computer portatili smentisce questa teoria che Li-Co (Li-Ion) è pericolosa e dura poco (cicli di carica/scarica), forse volevi dire LiPo RC?

A parte questa mia convinzione, complimenti per la conversione!!!
La maggior parte delle persone non sanno che i veicoli elettrici oltre a non inquinare ed a richiedere manutenzione limitata, hanno fatto passi da gigante soprattutto grazie alle nuove batterie al litio!

Giorgio ha detto...

Ciao ccriss, con questo post mi stai convincendo sempre più ad orientarmi al Litio.
L'unico problema è l'investimento iniziale. Ma l'alternativa è partire con il piombo e convertire dopo un anno quando le batterie al piombo muoiono. Magari nel frattempo le tecnologie si sono evolute ed i costi sono scesi.

CCriss ha detto...

Spuzzete, certo esistono altre vie, ma sono "work around" non strutturati e prima o poi un errore puoi sempre farlo. Ad esempio, potresti usare dei carica batterie tipo Imax o altri da modellismo per bilanciare in carica le batterie, ma non è praticabile per chi ha uno scooter elettrico, ne servirebbero troppi e come te li porti in giro se hai bisogno di caricare altrove?
Per quanto concerne il cutoff quando una cella è prossima ad essere scarica, certo puoi usare dei segnalatori acustici, ma mentre vai sei sicuro di poterli sentire?
Il BMS oltre alla sua semplicità di utilizzo garantisce un costante monitoring su carica e scarica, deve pero' essere un buon BMS, altrimenti sarà lui il killer della batterie e non sarebbe la prima volta.

Tornando alle batterie LICO, come dicevo se non sono di buona/ottima qualità (esempio: Panasonic Samsung e Sanyo) difficilmente dureranno molto, specie su scooter che chiedono piu' di 1C e specie dove fa particolamente caldo.

Ti rimando a questo link per capire quanto degradano le LICO anche se non le utilizzi
http://batteryuniversity.com/learn/article/how_to_prolong_lithium_based_batteries

Cerca "Table 3: Estimated recoverable capacity when storing Li-ion for one year at
various temperatures", vedrai dalla tabella che e LICO se caricate al 100% a 25° perdono in una anno il 20% della loro capacità..

Le LIFEP04 perdono a 25° 100% di carica tra 1% e 2% all'anno, il che fa ben sperare sulla loro longevità che si colloca tra i 10 e 15anni.

CCriss ha detto...

Giorgio, se non sei uno smanettone hobbista ti suggerirei di partire da subito con lo scooter a litio. Il problema è che è difficile trovare persone serie che ti facciano la conversione e se le trovi oltre alle spese del materiale (batterie, bms e carica batterie) dovrai sostenere quelle della manodopera che non saranno certo basse.
A quel punto conviene nettamente comprarlo già pronto, credo che esistano delle opportunità interessanti sul mercato.

Se invece sei "smanettone" allora ti consiglio di prendere uno scooter elettrico usato ad un buon prezzo e poi upgradarlo a Litio, cosi' risparmi parecchi soldi e ti togli delle gran belle soddisfazioni.

Giorgio ha detto...

Per smanettare, smanetto il giusto, ma purtroppo non posso permettermi di restare settimane senza il mezzo.

Se prendo un mezzo al piombo, vado sull'EcoJumbo, che purtroppo non ha la versione al Litio, ma è venduto anche senza batterie. In questo caso, forse, riesco a farmi fare il lavoro da un "Tennico", anche se non è proprio nella mia zona.

In alternativa mi oriento su un altro mezzo come il GTS, che è già pronto.

Comunque ci penso ancora un po'.

Grazie per i consigli.

spuzzete ha detto...

Ciao Ccriss,

si sono d'accordo sul fatto che ci sono "workaround" ma tempo fa su energeticambiente si era parlato anche di un progetto fatto da un moderatore (io ho visto di persona i prototipi) e poi abbandonato per mancanza di tempo in cui un cirtuito elettronico monitorava le singole celle "staccando" quella che era fuori dai parametri mentre potevi usare le altre. In questo modo puoi sempre tornare "a casa" o fare qualche km in modalità "tartaruga" in caso di guasto alle batterie. Il bello di quel sistema era la possibilità di usare accumulatori di chimiche differenti.
Ciò che non mi piace dei BMS è che se una batteria è difettosa si ferma tutto e ti tocca spingere.


Per quanto riguarda i link sulle batterie me li sono letti prima di cominciare la mia prova di riciclo.
Ma quelli sono link dove si spiega la teoria. La pratica è a mio giudizio un'altro paio di maniche. Lo hai visto anche tu (anche io sul mio evt 4000e) sulle batterie al piombo, date per X cicli di carica e poi durate molto meno. Sembra invece che con il litio, se si sta nei parametri, le cose cambino e che la durata in cicli di scarica sia ancora sconosciuta. Sinceramente non conosco ancora nessuno (o letto testimonianze) di persone che usano chimiche al litio, che ha avuto problemi di diminuzione di autonomia simili a quelli riscontrati con le batterie pb. Certo ci sono problemi con celle "difettose" ma è diverso dal decadimento delle celle pb.
Ad esempio http://endless-sphere.com/forums/viewtopic.php?f=3&t=26383&start=60#p401792 più di 3500 miglia e centinaia di ricariche su batterie Li-Co (laptop) già usate.

Il mio intervento non vuole essere polemico ma solamente dare degli spunti per pensare un po' "fuori dagli schemi".

CCriss ha detto...

Spuzzete,non volevo polemizzare, ci mancherebbe... Poi sei una delle persone del forum che ammiro e non solo per le questioni elettriche (mi riferisco al tuo viaggio itinerante per il mondo).

Tornando alle LICO , credo che sia un bel match in termini di durata, nel senso che a quanto ho capito ci sono LICO e LICO, alcune piuttosto scarse ed altre che hanno prestazioni e longevità impensabili anni fa.

StefanoG ha detto...

Complimenti per il tuo lavoro.
Stavo facendo qualcosa del genere da montare sul mio Vectrix anche se su display a 4 righe per avere più informazioni online, alcuni componenti sono diversi per adeguarli alle più alte correnti in gioco, ma il tempo tra lavoro e famiglia è sempre di meno e quindi cercherò di "copiare" il tuo lavoro. Per ora ti ringrazio per il lavoro da te svolto.
Un saluto, Stefano.

CCriss ha detto...

Grazie mille...
Come ti capisco, il mio tempo tra casa e lavoro è ridotto al lumicino!!
Hai visto che adesso oltre al LCD l'ho anche collegato al cellulare Android? Quello è stata una bella soddisfazione vederlo funzionare, ma che fatica!

Complimenti per il mezzo, il VX è un altro pianeta rispetto al mio low cost. In effetti ho in po' mi rammarico di aver scelto un mezzo cosi' scadente, con il senno di poi avrei preso un mezzo già a 60V con motore almeno da 5kw, ma mi toccherà aspettare di aver "consumato" quello che ho... Diciamo che il mio target sarebbe di arrivare a 25.000Km poi prendo le batterie e le sposto su uno nuovo. Certo devo sperare che le batterie siano ancora in forma, ma sono ottimista:-)

spuzzete ha detto...

Ciao Ccriss!
Si in effetti hai ragione, sembra ci siano diversi tipi di li-co in circolazione. Intanto ho ricevuto i Cell-log 8s e altro materiale. Ho modificato la mia batteria ed ho messo un paio di grafici sul forum e sul mio sito.
Secondo me è cmq un peccato che le celle al litio siano così care in Europa, qui in Nord America sembrano molto più accessibili come prezzi.
Che scooter hai in mente per il futuro?

Un saluto a tutti (con un po' di nostalgia di cappuccino & brioche al bar) dal Canada.

CCriss ha detto...

Ciao Spuzzete, intanto complimenti per il lavoro che stai facendo e che guardo con interesse ed un grosso saluto dall'Italia, per inciso adesso sto vedendo la partita e c'e' la pausa tra il primo e secondo tempo:-)
Che prezzi hanno le Li-Ion in Canada, sono tanto piu' convenienti?

IO sto guardando con interesse nel forum che frequentiamo chi sta sperimentando l'EcooJumbo che sembra abbastanza solido ed affidabile, al momento non ho rilevato particolari lamentele e l'idea un domani di prenderne uno usato con batterie KO da far risorgere mi alletta abbastanza.

Il progetto di logging delle celle invece mi sta facendo un po' ammattire, usare gli Attiny richiede un po' piu' di attenzione specie nell'uso della memoria che è al limite per quello che voglio fare.

spuzzete ha detto...

Che vittoria sofferta!Penso che ora tutto il quartiere sà che sono italiano ehehe!Quando abbiamo vinto sicuramente hanno sentito l'esultanza!
Tornando alle batterie ho visto ad esempio delle A123 (da 2,3Ah)a 6$ l'una inclusa spedizione, oppure le winston a 1$ per AH piu spedizione. Questo unito al fatto che qui si possono modificare mezzi a scoppio e trasformarli in elettrici (il mio sogno è convertire un'auto) aprono le possibilità per gruppi d'acquisto e quindi prezzi più vantaggiosi.
Vorrei sperimentare anche io un po' con Arduino che versione hai scelto tu?