martedì 31 luglio 2012

Il CB è tornato a funzionare!!!


Oggi con mia grande soddisfazione ho visto resuscitare il carica batteria, alla fine è stato riparato da un amico di un amico, e questo sostituendo le componenti che i Cinesi che me lo avevano venduto avevano indicato per far tornare il CB a nuova vita.
Ma andiamo per passi:
Un gg come tanti altri ho attaccato il carica batteria (o CB) ed è andato in corto facendo saltare il salvavita. Ho aperto il CB e come avete visto nelle foto precedenti è saltato un condensatore (quello arancione) ed una restistenza (quella nera).
Chiedendo aiuto ad amici dei forum che frequento emergeva che per alcuni sarebbe stato sostituire questi pezzi saltati, mentre per altri c'era di mezzo qualcosa di piu'..
Alla fine, da quello che potevo capire sal basso della mia conoscenza di Elettronica, ho deciso di mandare una mail a chi il CB me lo aveva venduto..

Ecco la mail e relativa risposta dei cinesi!!
 <<
Hi sir,
You can take down the two burned capacitors , then use a wire to connect the A and B, short out the two sites .
>>
Traduco loro dicono, togli il  condensatore, poi per la resistenza saltata metti un filo cosi da consentire alla corrente di passare oltre..

Poi parlando con chi il problema l'ha già avuto con BMSBattery (mi riferisco a Spuzzete , noto utente del forum Energetica Ambiente) è emerso , poi anche confermato da chi il carica batterie lo ha riparato, che questo tipo di problema si verifica per via del fatto che si attacca prima il secondario (pacco batteria) e poi il primario (la 220V), se invece si attacca subito la 220V si evitano questi problemi del condensatore!! Se qualcuno lo dicesse quando lo vende avrei evitato un sacco di tempo. Aggiungo che è assurdo che nel 2012 un carica batterie soffra di questo genere di problemi!! Oltre tutto se non avessi avuto un salvavita mi chiedo se avesse pure potuto prendere fuoco magari incendiandomi il box.
Le mie riflessioni su questo acquisto sono:
A) Ma era davvero necessario comprare dalla Cina questo carica batterie? Forse no, se devi mettere in conto quanto sia fragile e che se si rompe perdi la convenienza e ti tocca ricomprarlo. Il puto è che no te lo sostuiscono ed in ogni caso rispedire in Cina il pezzo rotto costa troppo.
B) Per quanto mi riguarda è pericoso, mettere in conto che possa prendere fuoco e creare danni seri mi ha fatto pensare..
Per il carica batterie credo che il prossimo sarà Italiano o alla peggio Europeo, pensateci prima di acquistare dall'EST.
N.B.: Ritengo di aver fatto bene a comprare le batterie dalla Cina e mi sono trovato bene , ma penso che ogni pezzo acquistato vada ben valutato anche alla luce dell'esperienza di altri quando possibile. Prima di comprare il BMS , al contrario di quello che ho fatto per il CB, mi sono informato molto perche' è una componente molto delicata che puo' fare molto male alle batterie distruggendo in poco tempo centinaia di Euro e passione sull'elettrico. Il risultato è che lo sto sfruttando da 1 e mezzo oltre il suo limite e continua a funzionare alla GRANDE.

13 commenti:

Stefano ha detto...

Ciao Criss,

purtroppo è comune vedere lavori realizzati sommariamente all'interno di prodotti cinesi, ma non credo che la soluzione sia comprar ein Europa se non per una questione di garanzie e costi di spedizione. Spesso i prodotti sono comunque prodotti in lontano oriente e commercializzati qui, e la sola differenza è che il prezzo lievita enormemente.
Come avrai letto sul forum che hai citato, io ho acquistato un Lepton sperando nella qualità del Made in Italy (e c'è tutta, ho aperto la centralina e pensando che ha più di 10 anni è uno spettacolo, con tanto di componenti elettronici made in italy e made in japan). Tuttavia le batterie che ho comprato, di nota marca, sono comunque Made in China. Oggi giorno quasi tutto viene prodotto li, difficile difendersi da cattive progettazioni e realizzazioni...

Stefano ha detto...

P.S. felice che sia tornato a funzionare il CB. E' sempre un casino rimanere senza. Io avendo le batterie al piombo ho anche rischiato di conciarle da buttare a causa di un evento simile, un cavolo di condensatoriuno da 20 cent esploso forse causa età. Cosi il caricabatterie integrato non ha caricato un bel niente per 2 gg, con relativa solfatazione delle batterie...


p.p.s. Un giorno o l'altro ti dovrò rompere le scatole: vista la tua esperienza con le conversioni LiFePo4, cercherò di carpirti info perché col prossimo cambio (tra un annetto) il mio diventerà per forza di cose un LiFePoLepton.

CCriss ha detto...

Stefano, le cose in questo settore cosi' promettente quanto in erba non sono mai lineari ossia, non si puo' dire cosa è meglio fare in senso assoluto.
Concordo con te sul fatto che la qualità non è abbinata all'acquisto qui in Italia o Europa, ma come hai anche detto tu per il semplice fatto che siamo garantiti per due anni, questo costringe chi vende a curarsi che i suoi prodotti siano affidabili..

Poi il fatto di dover inviare per posta i componenti con risparmio consistente ti mette nelle condizioni di poter ottenere la sostituzione del prodotto.

Stefano, la conversione al litio per me ,anche se ancora in "testing" , è stata la scelta giusta. Ad oggi con 10.000Km e piu' di anno vedo le batterie ancora in ottimo stato, sono proprio contento e se ti servono info sono felice di aiutarti..

P.S.: Sei di Milano, giusto? Magari un gg ci beviamo una birra cosi vedi cosa ho fatto sullo scooter dal vivo e tu mi fai vedere il magico lepton di 10Anni!!

spuzzete ha detto...

Bravo CCriss!
Alla fine ce l'hai fatta. Come ti avevo già detto sembra che l'unico problema di questi CB cinesi sia quello descritto da te e da me ovvero se collegati direttamente alla batteria senza prima essere collegati alla presa AC qualche componente salta (nel mio caso un ponte diodi). Ora il mio cb (identico al tuo solo che meno potente) funziona alla perfezione.

Sulla questione qualità & Cina l'importante è selezionare chi lavora bene da chi non lo fa. Sto comprando anche io un sacco di materiale dalla Cina ed alcuni prodotti non sono niente male, ad un prezzo (spedizione inclusa) che non è paragonabile a ciò che si trova in Europa/Nord America. Faccio presente che le batterie al litio usate sullo scooter di Ccriss sono prodotte in Cina :).

Ccriss ho delle domande da farti sul sensore degli "A" usato per arduino. Ne ho usato uno bidirezionale (sempre di Allegro) fino a 200A ma la "lettura di base" a scooter/bici spenta non è stabile nemmeno usando condensatori sugli input & output. Hai avuto anche tu questo problema? Proverò con sensori monodirezionali per vedere se risolvo il problema.

P.S. Se hai altri problemi sullo scooter non esitare a contattarmi direttamente (forum/sito/email).

jumpjack ha detto...

Il caricabatterie del mio zem non si accende proprio, se lo collego prima alla rete e poi alle batterie! Infatti il manuale dice di fare il contrario!
In meno di un anno mi sono saltati quattro CB!!!
Poi ne è uscita una partita nuova: mi sembrano identici in tutto, tranne per due barilotti di ferrite a monte e a valle di tutto. Possibile che fermino gli spike di connessione proteggendo il circuito? I due nuovi che ho durani da mesi.

CCriss ha detto...

Spuzzete, ti chiedo scura devo essermi perso il tuo commento, ero in ferie e poi non sono piu' tornato in questo post...
Allora sul lettore degli Ampere, ho avuto anch'io problemi di stabilità delle letture. Incredibilmente li ho avuti su altri sensori, sopratutto quelli della temperatura che senza condensatori si muovevano da matti.
Non so dirti come mai, ma quello di Allegro è invece molto stabile, controlla bene i contatti (saldature a freddo) e prova ad usare fili piu' corti (prova a treccia per limitare i disturbi). Poi mi sa che hai esagerato con i 200A Bidirezionale (quindi da -200A -> a +200 = delta di 400A), considera che con 10bit di Arduino 400A di delta equivalgono alla capacità di leggere a discretizzazione di 0,4A, niente di strano se ti balla tra 0,4A e 0,8A e forse 1,2A, se balla di piu' allora ci sono problemi...

CCriss ha detto...

Jump, come hai letto nei commenti precedenti, una delle cose piu' importanti per queste ciofeghe di carica batterie è attaccarli prima alla 220V, altrimenti prima o poi saltano.. Tu lo fai sempre? Prova e vedi se va meglio

jumpjack ha detto...

Ripeto: se lo attacco prima alla 220 rifiuta di accendersi.

CCriss ha detto...

Oops, scusa hai ragione, in tal caso se dovessero rompersene altri e non sei piu' in garanzia valuta la possibiltà di comprarne uno dal solito BMSBattery o forse meglio da Ping (ma non so cosa costa), il secondo dicono essere piuttosto affidabile se si scassa dicono faccia la sostituzione senza costi aggiuntivi.
I prezzi di un carica batterie da 400W non sono affatto alti..

Hai provato a portare i CB rotti da un tecnico per vedere che gli prende? Io purtroppo non sono un elettronico e non saprei darti grossi suggerimenti sul da farsi.

jumpjack ha detto...

Li ho dati tutti indietro tranne uno, che sta lì "a cuore aperto" su uno scaffale da mesi, in attesa di un'operazione... :-)
Ho anche comprato i compo nuovi... tranne un integrato bruciato che devo ancora provare a cercare su internet, ma che di sicuro non trovero'...

spuzzete ha detto...

Wow, mi sono perso tutti questi commenti, non c'è un'opzione per la notifica nuovi commenti? Ora cerco se c'è :).
Il bello dei CB di bms battery è che volt e ampere sono regolabili (a patto di restare dentro il limite di potenza massima dichiarato), in questo modo sto usando il CB sia per caricare a 42V che a 63V, il tutto agendo semplicemente su un potenziometro.
La cosa negativa è che se ti dimentichi di collegare la AC (qui è 110V) per prima rischi di bruciare qualche componente. Alla fine per prezzi così bassi non possiamo pretendere molto.

Ccriss grazie per i consigli sul sensore "A", penso di aver esagerato usando il 200A! Ho finalmente ordinato un nuovo arduino e sto costruendo una scatola in policarbonato per contenere il display lcd. Vediamo se riesco a farlo diventare una sorta di Cycle Analyst open source :).

CCriss ha detto...

Spuzzete, mi sa che dipende dal fatto che lasci i commenti come anonimo, visto che hai un account wordpress se usi l'opzione OpenID dovrebbe funzionare, mai provato in vita mia,se hai un account Google ovviamente è tutto piu' facile.

Ho visto i progressi sul tuo Blog, devo complimentarmi con te, stai mettendo in pratica un sacco di idee e progetti, se continui cosi' li' in Canada potresti trasformarlo in business;-)

spuzzete ha detto...

Ho risolto per i commenti iscrivendomi al feed :)

Grazie per i complimenti!Ci sono diverse persone che mi dicono la stessa cosa. Per ora aprire un business è un'idea che posso considerare ma non ancora mettere in pratica. Sicuramente il potenziale c'è, visto che è anche "facile" aprire un'impresa rispetto all'Italia.Vedremo!